BLOG

Uk – terza parte

Ripartiamo con una giornata impegnativa, abbiamo in programma di visitare tre giardini: Bourton House, Kifsgate Court e Hidcote Manor.

L’accesso a Bourton House avviene attraverso un bellissimo fienile pietra all’ interno del quale è stata allestita una “tea room” gestita da volontari del paese. La presenza della sala da tè con piccolo negozio di souvenir è una cosa piuttosto comune a tutti i giardini aperti al pubblico indifferentemente dal fatto che siano grandi o piccoli, privati o proprietà di associazioni. La cosa molto sorprendente è constatare quante persone dedichino il loro tempo libero al servizio volontario presso queste strutture. Per la maggior parte si tratta di signore, ma anche signori, in età da pensione e tutti si dedicano con grande passione al far si che i visitatori possano apprezzare al meglio il bene che stanno visitando. Qualcuno vende i biglietti d’ingresso, qualcuno serve il te, altri vendono souvenir (nella maggior parte dei casi davvero orribili).

img_9025
img_9089

img_9026
img_9042

La casa è un elegante edificio in stile Regina Anna, una facciata perfetta il cui retro si affaccia sul classico”croquet lawn”.

img_9066

La proprietà venne acquistata nel 1983 dagli attuali proprietari che crearono ex novo il giardino, non è particolarmente esteso ed è stato suddiviso in stanze definite da muri di tasso.

img_9060

Tutto è egregiamente curato e ben piantato, le bordure sono belle, di gusto piuttosto classico e l’insieme trasmette una sensazione di pacata eleganza che devo dire è uno delle cose che meno apprezzo in un giardino. Preferisco decisamente l’esuberanza ed il chiasso o la semplicità campagnola, ma questa lussuosa perfezione non mi emoziona.

Ecco il giardino bianco.

img_9048
img_9045

img_9049

img_9059

Il giardino delle erbe.

img_9061

img_9063

Bella composizione di volumi.

img_9064

Il parterre in bosso verde con obelischi in bosso variegato.

img_9069

img_9073

La bellissima massa bianca e verde dell’ Aralia elata “Variegata”

img_9074

Una delle due Parrotie che fronteggiano simmetricamente la casa, dietro i giardinieri al lavoro nonostante la pioggia.

img_9084

L’elaborato parterre che separa la casa dalla strada del villaggio.

img_9082

La ligularia svetta con le sue spighe gialle e nere tra le altre perenni.

img_9075

img_9072

Lasciato Bourton on the Hill siamo andati dritti verso Kifsgate passando per la graziosa Chipping Campden dove mi si è scaricata la batteria della fotocamera, quindi sono riuscito a scattare solo due foto di Kifsgate ed una di Hidcote.

img_9103

Kifsgate Court è un giardino creato da Heather Muir nel 1920 attorno ad una bellissima casa con portici neoclassici e tramandato in famiglia sempre in linea femminile (oggi siamo alla terza generazione con Anne Chambers). E’ stato costruito su di un terreno prevalentemente scosceso nonostante sul fronte della casa vi fossero ampi spazi pianeggianti. Credo che la ragione sia stata l’incomparabile vista sulla campagna delle Cotswolds che si gode da quel lato.

img_9092

img_9091

img_9094

La spettacolare piscina verde scuro con vista verso Mickleton

13631400_10209072993197211_7816176024493707790_n

Prendo a prestito un’ immagine dal web per mostrarvi anche la piscina più contemporanea chiusa dalle siepi di tasso e con installazione artistica che è diventata una delle immagini più iconiche del giardino.

1889488_orig-1

Nonostante i numerosi turisti si nota pochissimo lo stress da “troppe visite”, credo sia difficile mantenere questo equilibrio in un giardino così delicato ed aperto al pubblico. Sì percepisce che Kifsgate è un giardino in continua evoluzione, costantemente curato da una famiglia di appassionati che vi lavorano personalmente e vi aggiungono nuovi elementi  di generazione in generazione.

Proprio di fronte a Kifsgate Court troviamo l’ingresso ad Hidcote, un altro leggendario giardino inglese creato dall’ americano Lawrence Johnston ed ora curato dal National Trust.

Ammetto subito che per me è stata un po’ una delusione. Probabilmente dipende anche dall’indigestione giardiniera fatta durante la giornata con gli altri due giardini e dal fatto che si sente la mancanza di un’evoluzione, lo si percepisce un po’ come giardino museale.

Lo spazio è suddiviso in stanze di diverse dimensioni che creano un effetto labirintico a mio avviso non sempre piacevole, tanto che quando si arriva negli spazi più aperti verso i pascoli si ha l’effetto di una boccata d’ossigeno. Un’ altra cosa che lascia straniti è la sproporzione tra questi spazi, si passa da piccole “stanzette” a corridoi enormi degni di Versailles e l’effetto risulta un po’ disarmonico.

Purtroppo ho solo una fotografia, la famosa bordura rossa che molti di voi riconosceranno. Due lunghe aiuole giocate sui contrasti di fogliame e fiori in vari toni di rosso (in realtà rossi, arancioni e viola). Non essendo percorribile per preservare il prato dall’eccessivo calpestio è un po’ difficile goderne appieno la composizione.

img_9095

Dormiamo a Mickleton e ripartiamo verso Broadway.

img_9121

Una suggestiva vista lungo la via principale, esprime piuttosto bene l’essenza delle Cotswolds definite la “chocolate box” d’ Inghilterra.

img_9114

img_9116

L’immanacabile Old Rectory.

img_9117

img_9118
Una sosta allo spaccio di una fattoria bio.

img_9111

Colazione magnifica al Broadway  Deli, con personale gentilissimo.

img_9140

img_9134

img_9143

img_9159

Passando attraverso lo spettacolare viale di querce della tenuta di Lord Wemyss a Stanway.

img_9160

img_9162

Il magnifico portale di accesso al giardino di Stanway House.

img_9164

img_9167

Un po’ Sleepy Hollow…

img_9169

Sosta per il tè a Buckland Manor, ambiente accogliente e personale deferentemente maleducato.

img_9150

img_9151

Salice-sottopassaggio.

img_9171

I resti di un’abbazia.

img_9184

img_9185

Cheltenham vista dall’alto.

img_9196

Le case di un quartiere residenziale con dei bei porticati in ferro a cineserie.

img_9197

I malvoni, un sogno ricorrente.

img_9202

Dopo un’ infinita pedalata e un breve passaggio in treno per Gloucester arriviamo a Frampton on Severn dove per la notte ci attende la magnifica Frampton Court. Un piccolo gioiello architettonico situato in una bellissima tenuta di 1500 ettari.

img_9300

img_9291

Ancora più sorprendente la bellissima Orangerie in stile gotico

img_9288

Preceduta da una grande peschiera con ninfee.

img_9274

img_9275

img_9277

img_9279

Le nostre biciclette parcheggiate al sicuro sotto la mappa della tenuta.
img_9267

La colombaia.

img_9296

Ingegnosi paraspifferi all’interno.

img_9308

Letture country.

img_9309

img_9350

img_9242

Prima colazione nella sala da pranzo con la stupenda boiserie in quercia.
img_9335

img_9337

img_9339

img_9342

Le case del Villaggio di Frampton on Severn.

img_9315

Cottage con piccionaia in legno sulla facciata.

img_9360

La piazza del villaggio è costituita da un enorme prato (il più grande d’Inghilterra) con tanto di laghetto.

img_9358

Il giardino di Manor Farm, un bellissimo edificio a graticcio in legno di epoca quattrocentesca che fa parte della tenuta di Frampton Court.

img_9363  img_9370

img_9369

img_9368

img_9366

img_9365
img_9372

img_9373

img_9381

img_9380

img_9376

Proseguiamo verso Tetbury.

img_9386

img_9389

E ci dirigiamo verso un altro giardino, ma questa volta molto più a sud, nel Dorset.

Il giardino è quello Mappethon House e forse alcuni di voi riconosceranno il maniero perché set di un recente film di Vinterberg : “Via dalla pazza folla” tratto da un romanzo di Thomas Hardy (nativo del Dorset).

img_9563

La casa è di proprietà di Lord e Lady Sandwich, discendenti di colui che inventò appunto l’omonimo snack, ma è entrata in possesso della famiglia solo negli anni ’50 mentre il magnifico giardino che vedrete nelle prossime foto è stato creato da Ethel Labouchere, precedente proprietaria, negli anni ’20.

Si accede da un viale alberato ad una corte agricola chiusa su un lato dalla casa e sugli altri due da un fienile ed una scuderia.

img_9544

Le scuderie.

img_9460

La vista sui colli del Dorset.

img_9464

La magnolia cresciuta a spalliera sulle scuderie.

img_9467

La serra.

img_9465

img_9470

Il piccolo giardino antistante la casa.

img_9542

Da uno stretto passaggio di accede al “croquet lawn”, dove quel giorno una compagnia di giovani attori metteva in scena “Sogno di una notte di mezza estate”.

Il pubblico attrezzatissimo con cesti da pic nic e sedute pieghevoli.img_9475

img_9473

Da questo grande prato partono delle scalinate che portano al cuore del giardino costituito da una spettacolare area pavimentata in pietra e decorata con tassi topiati situata una decina di metri più in basso.img_9534

img_9537

img_9553

img_9554

Nonostante l’abbondante apparato decorativo e i tassi potati in forma niente è di troppo, c’è una costante armonia tra gli elementi verdi e quelli architettonici e tutto nell’ insieme ha un aria estremamente naturale. Alla perfetta riuscita dell’insieme contibuiscono gli erigeron, i sedum e le alchemille che sono stati lasciati liberi di naturalizzarsi tra le pietre della pavimentazione ammorbidendo i contorni di tutto.

img_9482

La casa vista dal giardino.

img_9487

La limonaia.

img_9505

Si quattro lati perimetrali vi sono delle bordure erbacee, ma ciò che davvero rende magico questo luogo è il rapporto tra pietra, topiarie e tappezzanti.

Arrivando all’estremità opposta all’orangerie ci troviamo di fronte ad un altra sorpresa: un ulteriore giardino su di un livello ancora più basso che fa correre lo sguardo verso la valle.

img_9525

img_9527

img_9524

img_9517

Erigeron ovunque anche qui.

img_9516

img_9530

Le parti più scoscese tenute a prateria.

img_9538

img_9539

Alla fine un tè caldo con Victoria Sponge nel fienile convertito in bar sotto un soffitto drappeggiato di esotici suzani.

img_9459

Ripartiti verso le coste del Dorset facciamo tappa a Lulworth Cove…

img_9590

img_9597

img_9601
img_9628

img_9629

img_9631

…per spingerci poi fino alla malinconica Isola di Wightimg_9637

img_9650

img_9644

img_9652

img_9651

img_9660

img_9657

img_9655

img_9661

Non so se l’isola fosse davvero malinconica o l’impressione sia stata causata dal fatto che fosse l’ultima tappa del nostro tour prima del rientro a Londra.

Qualsiasi velo di malinconia è subito stato sollevato grazie alla città che per me rimane la più accogliente al mondo e soprattutto agli amici.

img_9701

img_9695 img_9697

 Bye bye

facebooktwitter

2 Comments

  1. Silvia

    Complimenti per il reportage del tuo viaggio! Mi ha fatto sognare. Sicuramente custodirò con cura gli indirizzi ed i nomi delle residenze che avete visitato, con la speranza, un giorno, di poter fare anch’io un viaggio simile. Ho iniziato da poco la mia attività di progettazione di spazi verdi e condivido con te la passione per l’Inghilterra!! Chapeau!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

English